Dragonstone

0

Finalmente è andata in onda la prima puntata della settima stagione de Il Trono di Spade. L’hashtag #GameOfThrones è stato negli ultimi giorni uno dei maggiori trend del web. Molte le manifestazioni in attesa dell’uscita, come la maratona a Milano, accompagnata da un evento dedicato interamente alla serie che si è svolto nella città lo scorso weekend. Il primo episodio è andato in onda su HBO alle 3 di questa notte; gli accessi sono stati talmente tanti che il sito HBO ha crashato.

La fine della sesta stagione era stata spettacolare: due puntate da vedere tutte d’un fiato. La battaglia dei Bastardi e Winds of Winter potrebbero essere considerati una cosa sola. Nella prima un’epica battaglia tra due personaggi forti quali Jon Snow e Ramsey Bolton; nella seconda lo stesso Snow, con accanto sua sorella Sansa, viene proclamato Re del Nord dai Lord di Grande Inverno. Tra tutte spiccava la piccola Lady Mormont, praticamente una bambina, ma sveglia, cazzuta e decisa.
Ad Approdo del Re Cersei si fa strada fino al Trono di Spade distruggendo chiunque voglia ostacolarla, in particolare l’Alto Passero e la nuora Margaery.
Daenerys intanto organizza il suo esercito per fare ritorno a Westeros e riconquistare ciò che è stato portato via alla sua famiglia.

SPOILER ALERT!!!

La settima stagione inizia con una scena strabiliante.
Sappiamo già quali sono gli Stark sopravvissuti: Jon, Brandon, Sansa e Arya. Ed è proprio la più piccola di casa Stark a dare il via alle danze: sotto mentite spoglie, cioè quelle di Walder Frey, ammazza tutti coloro che avevano partecipato al massacro della sua famiglia durante le Nozza Rosse. Arya avvelena gli ospiti, lasciandoli con un discorso mirato, pungente e con la frase che dà inizio a tutto: “Leave one wolf alive and the sheep are never safe.”(Lascia in vita un solo lupo e le pecore non saranno mai al sicuro).

Cersei si consulta con il gemello/amante per trovare alleati nuovi e più forti, con i quali affrontare i nemici che minacciano i Lannister da ogni parte di Westeros. Decide di dare udienza a Euron Greyjoy, usurpatore del trono delle Isole di ferro, zio di Yara e Theon. In cambio della sua mano, l’uomo di ferro è disposto a offrirle la sua flotta di mille navi.

Jon Snow e Sansa chiamano a raccolta tutti gli alfieri di casa Stark e li mettono in guardia: l’inverno è arrivato. Il nuovo Re del Nord avverte dell’arrivo degli Estranei, mentre i Maestri e soprattutto il fedele amico Samwell Turly cercano un modo di procurarsi il vetro di drago.
Brandon Stark intanto chiede asilo alla Barriera, rivelando la propria identità.

Daenerys giunge a Dragonstone (da cui il nome della puntata). La fortezza costruita dalla sua famiglia è per lei il primo avamposto della riconquista di Westeros. Ed è così che la puntata si chiude: primo piano sulla Regina dei Draghi, rivolta al suo Primo cavaliere, dice: “Shall we begin” (Cominciamo).

Nel corso della puntata rivediamo anche vecchi personaggi minori, che sono rimasti spesso nel cuore dei fan, come Sandor Clegane, che viaggia insieme agli adoratori del Signore della Luce, o Jorah Mormont (o almeno il suo braccio), la cui unica battuta riguarda – ovviamente – l’amata Khaleesi.

Già dalla stagione precedente l’ago della bilancia aveva iniziato a spostarsi in favore del gentil sesso. Dalle lotte tra i vari Re di Westeros alla cosiddetta War of the five Queens.
Le donne di GoT sono diverse, collegate tra loro, nemiche o alleate. Per quanto gli uomini abbiano ancora ruoli fondamentali, le responsabilità date alle donne (vedi le regine Cersei e Daenerys) sono enormi; nel frattempo Sansa e sua sorella Arya, uniche rimaste della famiglia Stark, si assumono il compito di vendicare i propri cari o di prendersi la rivincita su una vita passata alla mercé degli uomini peggiori (in questo caso Sansa, dopo aver ucciso il marito Ramsey, comincia a tirar fuori la voce per partecipare attivamente al governo di Grande Inverno).

Chiaramente qualche interrogativo resta aperto e le teorie dei fans della serie si sbizzarriscono. Una delle domande che più crea curiosità è questa:
+++ Qual è il regalo che Euron Greyjoy ha intenzione di portare a Cersei?
Le risposte più accreditate per ora sono tre: una spada di acciaio di Valiria, la testa di uno dei nemici della regina (Olenna Tyrell, Ellaria Sand, Daenerys o addirittura il fratello Tyrion) oppure un corno, capace di controllare i draghi.

La domanda che mi pongo io invece è questa: protagonista indiscussa della puntata è stata casa Stark, ma resterà tale? Il pilot della serie lasciava intendere che fosse proprio la casata Stark quella più importante, ma poi sono arrivati i Lannister e la giovane Targaryen. Alla fine, come ne uscirà la famiglia di Ned Stark? Riusciranno a ritrovarsi?
Ma soprattutto, qualcuno ha intenzione di dire a Jon Snow, Re del Nord, di chi diavolo è figlio?

 

Ah, un’ultima cosa: c’è Ed Sheeran.

About Author

Leave A Reply