Medicine e Bugie: come non diventare clienti del mercato della salute

0

Medicine e Bugie: il business della salute è un saggio interessantissimo scritto da Salvo Di Grazia, noto medico e divulgatore scientifico che ha condotto una vera e propria battaglia contro le truffe del mercato della salute.

Salvo Di Grazia è un medico – ginecologo – che nel tempo libero, per puro diletto, si cimenta a vestire i panni del divulgatore scientifico. È diventato molto seguito online grazie al suo blog e alla sua pagina Facebook MedBunker.  I suoi post non hanno lo stesso clamore mediatico di quelli di Burioni, ma Salvo Di Grazia ha più e più volte smascherato inganni e truffe del mercato della salute. E Medicine e Bugie è un ottimo compendio di quanto possa esserci utile per non diventare clienti del mercato della salute.

Salvo Di Grazia ne ha per tutti quelli che vendono fuffa spacciandola come rimedio per mali incurabili o per chi crea di fatto malattie dal nulla. Un esempio eclatante è quello dell’inutilità delle pastiglie di Vitamina C che puntualmente vanno a ruba ogni inverno: nessuno studio a sostegno dell’efficacia di queste compresse nella prevenzione o nella terapia di comuni malanni stagionali, come il classico raffreddore autunnale.

Una grossa parte del libro Medicine e Bugie è dedicata a demolire l’omeopatia: grazie al sostegno di studi rigorosamente realizzati – e qualcuno un po’ meno, di fatto clamorosamente smentito poco tempo dopo – Di Grazia rivela nel dettaglio come acquistando prodotti omeopatici, si comprano praticamente pillole di nulla.

Le tematiche sviscerate da Salvo Di Grazia sono diverse; dalle truffe nude e crude alle citazioni trionfalistiche e assolutamente imprecise dei titoli dei giornali, passando dalle bufale del web. Medicine e Bugie illustra chiaramente come  in diversi casi le aziende, legittimate a perseguire il fine ultimo del guadagno, creino dei bisogni inesistenti per speculare sulla nostra salute. La trattazione prosegue sempre con un discorso chiaro, comprensibile e – da buon divulgatore scientifico- accompagnato da un’abbondante documentazione.

Attenzione, però, a non passare dagli inganni del mercato della salute alle truffe dei guaritori sensazionali e quasi magici. La Storia è piena di pseudogeni convinti di aver trovato cure per mali insanabili ma che, alla richiesta di una prova scientificamente validata, si rifugiano in scuse del tipo “Non condivido il mio studio perché altrimenti mi copiano l’idea”, “Io ho realizzato uno studio ma nessuno me lo pubblica perché è tutto un complotto” e robe del genere. Chiedere le prove, sempre. E sopratutto, l’onere della prova è a carico di chi afferma. Se, per esempio, affermassi che il mio cane sia in grado di parlare, è mio dovere scientifico provare come il cucciolo sappia  almeno emettere una parola. Non potrei, invece, affermare che siccome non vi è nessuna dimostrazione di come il cane non sappia parlare, in realtà il mio cane sia solo molto timido e paria esclusivamente con me.

Tutti i dettagli su Medicine e Bugie sono disponibili cliccando qui. L’autore, Salvo Di Grazia, può essere contattato tramite la sua pagina Facebook MedBunker e tramite il suo blog MedBunker.blogspot.

About Author

Sono attualmente uno studente di Medicina che passa la sua vita tra manuali, libri e serie TV. Scrivo per condividere le mie passioni: il mondo della letteratura tutta, film e/o serie TV e almeno ogni tanto, qualche articolo dall’universo della Medicina.

Leave A Reply