Lettura settimanale Topolino 3227

0

Topolino 3227 è un numero che alterna belle prove a storie tutto sommato rivedibili. Spicca su tutti l’episodio finale de Zio Paperone e il deposito sotto stato di A.S.S.E.D.I.O. per merito degli ottimi Vito Stabile e Pietro B. Zemelo.

Sul Topolino 3227 tornano le storie dedicate alla Scienza del ciclo Comic&Science; questa volta tocca a Topolino e l’oscura macchia nera scritta da Fausto Vitaliano e disegnata da Alessandro Perina. La storia tutto sommato è gradevole, nonostante l’atteggiamento – a volte troppo – didascalico tipico di questo ciclo di fumetti. Restano tuttavia alcuni buchi – neri, verrebbe da dire – nella sceneggiatura risolti in maniera un po’ approssimativa. Non il miglior Vitaliano, ecco.

Topolino 3227 vede anche la conclusione de Zio Paperone e il deposito sotto stato di A.S.S.E.D.I.O. con un finale degno dei precedenti episodi. Vito Stabile e Pietro B. Zemelo hanno costruito una gran bella storia celebrativa del Deposito più famoso del mondo. Punto di forza è l’uso calibrato e mirato di tutti i numerosi personaggi che prendono parte alla vicenda. Stabile e Zemelo si confermano – come ha detto la direttrice De Poli – gli sceneggiatori del futuro. Nota di merito anche ai disegni di Federico Franzò.

Paperino e l’equivoco R.O.N.F è la terza storia del Topolino 3227, scritta da Monica Manzoni e illustrata da Maurizio Amendola. La storia è una breve come tante, di quelle che non guastano quasi mai. Segue poi un nuovo appuntamento con i mini gialli: Rapina a domicilio. Lo stile delle brevissime di Marco Bosco è più o meno invariato nel corso della serie. Probabilmente il fatto di avere poche pagine a disposizione mal si sposa col genere giallo: se ci sono solo i poliziotti, la vittima e un altro tizio, è ovvio chi sia il colpevole…

Topolino 3227 si conclude con una storia danese scritta da Andreas Pihl e disegnata da Flemming Andersen: Paperinik e l’ombra su Isola del Sole. L’insolita accoppiata Paperinik e Pico de Paperis non è male, ma la storia è scritta in maniera pessima, o comunque fuori dal nostro tempo: le didascalie “Pico non sa che Paperino è Paperinik” oppure “Archimede è l’unico a conoscere la vera identità di Paperinik” sono un punto davvero basso della sceneggiatura. Senza dimenticare un cattivo che è cattivo… perché sì! I disegni, invece, sono molto particolari: a tratti sono guardabili, a momenti invece sono un pugno in un occhio. Storia bocciata – come praticamente quasi tutte le danesi.

Nel complesso Topolino 3227 si merita la sufficienza piena.

About Author

Sono attualmente uno studente di Medicina che passa la sua vita tra manuali, libri e serie TV. Scrivo per condividere le mie passioni: il mondo della letteratura tutta, film e/o serie TV e almeno ogni tanto, qualche articolo dall’universo della Medicina.

Leave A Reply